Chi siamo

Cova Contro nasce nel 2013 come organizzazione di volontariato, nel tempo abbiamo allargato gli obiettivi statutari arrivando ad occuparci di reati ambientali, contrasto alle ecomafie ed alla corruzione nella P.A. che sostiene queste pratiche criminali, sosteniamo la Convenzione di Aarhus, tuteliamo i consumatori ed i beni comuni. Da sostenitori della partecipazione dal basso attraverso la citizen science ed il giornalismo partecipativo, dal 2016 al 2021 siamo stati iscritti al registro europeo della trasparenza, oggi siamo membri del network internazionale ECSA, collaboriamo da anni con decine di realtà nazionali ed estere nel campo del giornalismo di inchiesta e della ricerca scientifica, aiutiamo ogni anni decine di tesisti, freelance e ricercatori universitari e non nel raccogliere dati e raffrontate le fonti relative ai problemi ambientali lucani e non solo. Abbiamo oltre 300 sostenitori finanziari censiti, sostituendo con questa formula le iscrizioni che abbiamo bloccato da tanti anni per ragioni economiche e contenere gli ingenti costi assicurativi ai quali dobbiamo far fronte per difenderci nei tribunali e tutelare il nostro patrimonio di sensori ed attrezzatura. Siamo citati in numerosi articoli scientifici, ricerche universitarie, articoli di stampa nazionale ed estera, atti parlamentari nazionali ed europei, report di indagine di enti locali e non.

La storia più antica. Fino al 2015 il nostro sito di informazione si chiamava Punto eBasta, indirizzo URL – analizebasilicata.altervista.org poi confluito in un sito professionale, quello attuale, trasferendo tutti i dati, allegati inclusi grazie alla collaborazione di Strab.it. Inizialmente ci occupavamo solo di problematiche lucane in seguito la nostra crescita economica e di visibilità ci ha permesso di creare nuove relazioni, contatti e metodiche di indagine sviluppando una rete di sentinelle, molte anonime, che ci permettono di acquisire immagini e dati su svariate problematiche. Dal citizen sensing siamo passati ad una attività di raccolta informazioni sul campo, ed analisi dei dati, avviando anche un prototipo di start up nell’ambito dell’intelligence ambientale, il progetto SCIAMANO, attualmente l’idea con maggiori possibilità di sviluppo tra le tante che abbiamo in cantiere. Lo scopo a lungo termine è anche quello di creare una fonte di informazione indipendente, imparziale e, perché no, irriverente su cui i cittadini possano, sempre in modo critico, fare affidamento. Un database gratuito di dati per la storia ambientale e le sue propaggini.

Punto eBasta – Cova Contro.org è un quotidiano? No, il sito non rappresenta una testata giornalistica, né una “stampa” o uno “stampato”, così come definiti dall’art. 1, L. 8 febbraio 1948, n. 47 e non è pertanto sottoposto all’obbligo di registrazione di cui al successivo art. 5 (v. Cass. pen., sez. III, sent. 10 maggio 2012, n. 23230).

Posso condividere e/o utilizzare i vostri contenuti? Il portale ed ogni suo contenuto sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale. Sei libero di condividere ed utilizzare i contenuti pubblicati, anche creandone opere derivate, purché la paternità di Punto eBasta e dell’autore del singolo contenuto sia sempre riconosciuta. Per maggiori informazioni consulta le specifiche della licenza o inviaci una email.

Come posso contattarvi? Per contatti ed informazioni sulle nostre attività, scrivi a associazionecovacontro@gmail.com

Sono interessato a collaborare con voi, da dove posso iniziare? Siamo una piattaforma aperta alle collaborazioni nel rispetto dei nostri valori, cerchiamo sempre un mano e provvederemo a risponderti nel più breve tempo possibile. Non possiamo formare per questo cerchiamo competenze già consolidate oppure puoi aiutarci con gesti molto semplici come diffondere i nostri contenuti, la nostra raccolta fondi, il nostro 5 per mille, sia virtualmente che sul campo, oppure girarci informazioni se vivi in un contesto di nostro interesse. Insomma se vuoi il modo per collaborare lo troviamo 😉